Accesso rapido

Pubblicazioni

Ordinanza Anti Botti

Provvedimento restrittivo per l'accensione di artifici pericolosi e non, durante il periodo di Capodanno

 

IL SINDACO

 

- Considerato che durante il periodo delle festività di Capodanno è consuetudine effettuare l'accensione e i lanci di fuochi d'artificio, lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti, razzi etc., e che tale condotta incide sensibilmente sulla sicurezza dei cittadini, per l'uso spesso incontrollato di tali artifici usati senza l'adozione delle minime precauzioni atte ad evitare pericoli e danni per le persone e cose;

-Visto che lo sparo ed il lancio dei predetti fuochi d'artificio viene effettuato molte volte anche da minori, i quali utilizzano detti materiali esplodenti con imperizia tale da rappresentare un pericolo reale e concreto per se stessi e per le persone e cose che si trovano nel posto dove avvengono gli spari;

-Considerato che tutti gli articoli pirotecnici, anche quelli cd. "declassificati" (e cioè potenzialmente non pericolosi), posti in libera vendita, contengono sostanze esplosive o simili, capaci di causare l'espansione improvvisa del materiale in essi contenuti, accompagnato solitamente dalla produzione di calore, effetti luminosi, sonori, gassosi o fumogeni;

-Constatata l'urgente necessità di adottare idonee misure capaci di aumentare nei cittadini la percezione di sicurezza ed il rispetto delle regole di civile convivenza attraverso una costante attività di prevenzione e controllo del territorio,

-Visti anche gli effetti nocivi e pregiudizievoli che i botti hanno sugli animali domestici

-Considerato il grave pericolo di incendio dovuto allo stato attuale dei boschi determinato con Det..n3254 del 10 novembre 2015 della Regione Piemonte ;

- Rilevata la necessità di prevenire, eliminando, le possibili cause che favoriscano pericolose combustioni

-Atteso che l'uso di sostanze esplodenti danneggia,- tra l'altro, anche il patrimonio pubblico e privato ed ostacola la libera fruibilità degli spazi pubblici per cui si registra anche una sensibile riduzione del livello della qualità urbana;

-Visto l'art. 54, comma 2, del D.Lgs 18 agosto 2000 n. 267 che assegna al Sindaco la competenza all'adozione di provvedimenti contingibili ed urgenti, al fine di prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano l'incolumità dei cittadini;

-Vista la Circolare del Ministero dell'Interno 11 Gennaio 2001 n. 559

-Visto il Decreto del Ministro dell'Interno 5 agosto 2008;

-Visti gli artt. 7 bis, 50 e 54 del D.Lgs. n. 267/2000;

-Vista la legge n. 125 del 24.07.2008; t

-Visto il Decreto del Ministro dell'Interno 5 agosto2008;

-Vista la legge n. 94 del 15.07.2009;

-Visto 1' art. 703 del Codice Penale;

-Visto l'art. 57 T.U.L.P.S.

ORDINA DA OGGI

   Su tutto il territorio comunale è vietato far esplodere petardi e botti di qualsiasi tipologia, accendere

fuochi , e lanterne cinesi .

Sanzioni:

 

Chiunque violi le disposizioni della presente ordinanza è soggetto alle seguenti sanzioni amministrative pecuniarie, salvo l'eventuale applicazione delle sanzioni penali;

 

  • Le violazioni al suddetto divieto saranno punite ai sensi dell’art. 7 bis del D.Lgs. 267/2000 con sanzione amministrativa pecuniaria da € 25,oo a € 500,oo.

 

RACCOMANDA

 

1. Di non raccogliere eventuali botti c/o petardi o altra tipologia d'artificio inesplosi, rinvenuti c/o

abbandonati su suolo pubblico e su quello privato;

  1. I genitori dei minori o chi esercita la patria potestà , a vigilare su di essi affinché non facciano uso o detengano materiali esplodenti, al fine di scongiurare pericoli derivanti da un loro utilizzo improprio c/o maldestro;

 

DISPONE

 

La comunicazione, ai sensi dell'art. 54, comma 4, T.U.E.L. , della presente ordinanza alla Prefettura di VERBANIA - Ufficio Territoriale di Governo - nonché la pubblicazione sul sito internet del Comune e mediante l’affissione di copie nelle bacheche informative comunali.

DEMANDA

Gli Ufficiali ed Agenti della Polizia Municipale e delle Forze dell'Ordine sono incaricati dell'esecuzione della presente Ordinanza.

La presente ordinanza entra in vigore dalla data di pubblicazione on-line all'Albo Pretorio.

Contro la presente Ordinanza è ammesso ricorso:

 :• entro 60 (sessanta) giorni dalla data di pubblicazione al competente Tribunale Amministrativo Regionale ai sensi dell'art. 16 della Legge 28/01/1977 n. 10 nei termini e modi previsti dall'art. 2 e seguenti della legge 06/12/1971,n. 1034;

:entro 120 (centoventi) giorni dalla data di pubblicazione del provvedimento al Presidente della Repubblica nei termini e modi previsti dall'art. 8 e seguenti del D.P.R. 24/11/1971, n. 1199.

 

Ghiffa , lì 29/12/2015

 

             Il Sindaco

              Dott. Matteo Lanino

EVENTI

ombra
Ti Trovi in: Comune di Ghiffa  >  Homepage

COMUNE DI GHIFFA - Informazioni

Popolazione: 2.416
Superficie: 1.395 Ha
Altitudine: m 201 s.l.m.

Corso Belvedere 92, Ghiffa (VB)
Tel.: +39 0323 59 110 / 59 515
Fax.: +39 0323 59 441

Mail: segretariocomunale@ghiffa.net
Pec: pecghiffa@mailcertificata.net
P.IVA: 00426450037

ombra